10
Feb
2022

Una coriacea Withu Bergamo lotta fino alla fine a Cividale

La WithU Bergamo ci prova fino in fondo, ma deve lasciare strada alla capolista UEB Cividale, che nel recupero della 17^ giornata si impone 72-54. Una gara in equilibrio per 25’, dove la WithU ribatte colpo su colpo, poi la stazza fisica dei friulani prende il sopravvento con il break che spacca la partita sul finire del terzo quarto. Coach Cagnardi è comunque orgoglioso dei suoi uomini, per l’approccio avuto e per non aver mai ceduto di fronte alla corazzata guidata da Pillastrini. Non c’è tempo per rifiatare: domenica 13 febbraio c’è la trasferta a Fiorenzuola, uno scontro diretto in chiave play-off.

Cividale prende sin da subito in mano il match, con i canestri dei suoi lunghi, Bergamo però c’è e torna subito a contatto con Ihedioha grazie anche ad un paio di palle recuperate in difesa (7-6 al 5’). Laudoni si fa sentire nel cuore dell’area bergamasca ma Cividale non morde perché la WithU sa arginare le sue bocche da fuoco, dall’altra parte è Negri a dare il primo vantaggio esterno ed il primo quarto si chiude con il canestro di Rota che fissa il 14-15 al 10’. Cividale trova i primi punti di Chiera ma la WithU non abbassa la testa, e dopo il mini parziale interno arriva il contro-break di 0-6 (20-22 al 14’). I padroni di casa mettono il fisico, Chiera e Paesano sprigionano il nuovo sorpasso, la WithU fa un po’ fatica a trovare conclusioni pulite (30-23 al 17’) ma lucra dalla lunetta per restare attaccata, chiudendo il primo tempo sotto di quattro lunghezze (34-30 al 20’).

Cividale prova l’allungo ad inizio ripresa con Miani e Battistini (45-35 al 24’), la WithU stringe i denti ma sbatte sulla difesa di casa ed un contropiede di Laudoni, unito alla tripla di Chiera, mandano gli uomini di Pillastrini al +15. Cagnardi ci parla su, Cividale non decelera ma la WithU non alza bandiera bianca (57-42 al 30’). Sodero tiene vivo il match replicando ai canestri di Laudoni e Miani (61-48 al 34’), Isotta accorcia ulteriormente il divario ma Chiera firma la tripla del +14 che indirizza il finale. La WithU non cede un millimetro e resta in partita fino a 180” dalla fine, quando gli ultimi tentativi di Negri e compagni non trovano il fondo della retina e Cividale ne approfitta per allargare il gap. Finisce 72-54 per i padroni di casa.

UEB Cividale-WithU Bergamo 72-54 (14-15, 34-30, 57-42)

UEB Cividale: Rota 10 (1/3, 2/6), Chiera 20 (4/6, 3/3), Laudoni 10 (4/9, 0/5), Battistini 10 (5/9, 0/3), Paesano 10 (4/6); Cassese (0/2), Miani 8 (4/7, 0/1), Ohenhen 4 (2/4), Michalich (0/1), Balladino n.e.. All. Pillastrini

WithU Bergamo: Negri 10 (2/4, 1/6), Sodero 12 (1/6, 2/7), Bedini 3 (0/1, 1/2), Dell’Agnello 1 (0/2), Ihedioha 10 (1/4, 1/2); Savoldelli 7 (2/5, 1/5), Isotta 11 (5/10, 0/2), Dembelè (0/1), De Martin, Cagliani n.e., Piccinni n.e., Rota n.e.. All. Cagnardi

Tiri liberi: UEB Cividale 9/14, WithU Bergamo 14/19

Rimbalzi: UEB Cividale 48 (Battistini 16), WithU Bergamo 31 (Dell’Agnello 7)

Assist: UEB Cividale 14 (Battistini 3), WithU Bergamo 13 (Isotta, Negri 3)

Usciti per 5 falli: nessuno

Spettatori: 350 circa

[Giovedì 10 febbraio 2022]




ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

    Acconsento al trattamento dei dati personali secondo l'informativa della privacy

    replica rolex
    «
    »