31
Ott
2014

CRISTIANO MASPER PARLA DELL’INIZIO STAGIONE GIALLONERO

 

E’ apparsa oggi, sul portale www.bergamonews.it, un’intervista che Cristiano Masper ha rilasciato al quotidiano online bergamasco e nel quale commenta l’inizio di stagione BB14, dalle tre sconfitte nelle prime tre gare alle due ultime affermazioni esterne sui campi di Orzinuovi e Arzignano.

 

Cliccando QUI potete accedere al testo integrale dell’intervista, di seguito invece riportiamo alcune delle risposte del carismatico centro orobico.

 

Si aspettava un inizio di campionato così difficile?

“Queste sono categorie dalle quali non devi mai aspettarti niente. Sulla carta la Bergamo Basket 2014 poteva essere superiore a Lecco e a Desio, ma abbiamo visto poi com’è finita”.

 

Cosa vi ha permesso di dare la svolta a questo avvio di stagione? Vincere sul parquet di Orzinuovi non è da tutti.

“Dopo aver perso a Bergamo contro Desio ci siamo chiusi nello spogliatoio, senza i tecnici e senza i dirigenti, ci siamo guardati tutti negli occhi e abbiamo capito che era davvero arrivato il momento di cambiare rotta perché così, in quel modo, le cose non potevano andare. Forse ci eravamo seduti sugli allori perché le cose erano andate molto bene nelle amichevoli pre-campionato, forse l’ambiente si era caricato di eccesiva fiducia e tutto questo non ha fatto altro che portarci a prendere degli schiaffi che, probabilmente, potevamo evitare”.

 

Avete cambiato mentalità, quindi, dopo il ko con Desio?

“Diciamo che abbiamo cambiato qualcosa nelle nostre teste”.

 

Ora, dove può arrivare questa Bergamo Basket 2014?

“Dove sinceramente non lo so, come, però, ve lo posso dire: se giochiamo con la voglia, la determinazione e la grinta di questi ultimi due match possiamo davvero giocarcela alla pari con tutti. E se mettiamo sotto quelle che, sulla carta, sono le avversarie che possiamo e dobbiamo battere, allora possiamo anche pensare di fare qualcosa di grandioso”.

 




ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

    Acconsento al trattamento dei dati personali secondo l'informativa della privacy

    «
    »