Capo delegazione, presidente regionale, consigliere e pure scrittore. Olimpiadi, Mondiali, Europei nel corso di una carriera in ambito federale con pochi pari. Alberto Mattioli, 78 anni, è molto più di un pezzo di storia del basket. Mantovano di nascita, bergamasco d’adozione è un personaggio tutto estro e precisione. Due termini che potrebbero risultare in antitesi, ma non per lui. Intenditore sopraffino, diretto e sanguigno o più semplicemente innamorato follemente della palla a spicchi.

Bergamo sarà ancora al via del prossimo torneo di serie B, la vittoria più bella. Che segnale è?

“E’una gran cosa. Non può che far piacere a tutti gli appassionati di pallacanestro. Attualmente seguo da lontano, ma gli sviluppi positivi delle vicende societarie mi riempiono di gioia”.

Significa aggiungere un altro capitolo alle vicende cestistiche della città.

“La matrice è della gloriosa Carnovali, un quartiere cittadino che ha sempre respirato l’aria baskettara. La storia non si deve cancellare e neppure accantonare. Non esiste nessun anno zero, né qui e neppure altrove. Proprio per questo lascerei in disparte la denominazione Bergamo Basket 2014 a favore di qualcosa di diverso”.

Che idea avrebbe in merito?
“Magari riporterei in auge Alpe. Per rinverdire un’epoca indimenticabile, per un ritorno al passato”.

Un pensiero sui dirigenti?

“Paolo Andreini è una garanzia. A lui, a Galluzzo, Zanese, Ghidotti e a tutti coloro che credono fermamente nel progetto vanno accordati rispetto e gratitudine. Ha sempre avuto fiducia, ha rischiato in nome e per conto di un’enorme passione e ora sta compiendo un’opera altamente meritoria. In Lombardia, Milano a parte, Bergamo ha sempre avuto tradizione e la bandiera non può essere ammainata. Se Cantù ha vinto Coppe dei Campioni, Cremona e Brescia sono protagoniste, Bergamo è Bergamo e deve tornare in alto”.

Anche per questo è stato scelto, come DT del progetto Bergamo Basket City coach Albanesi.

“Un’altra idea da apprezzare e valorizzare. Per farla decollare ci si deve affidare ai profili giusti. Ribadisco che Andreini è proprio questo. Un intenditore della materia che se vede qualcosa che non va nel corso di un allenamento esterna il tutto senza fronzoli, per porre subito rimedio ad un eventuale problematica. Lui ed io parliamo la stessa lingua. Marco proviene da una delle famiglie più importanti della pallacanestro. E’un bustocco figlio di Aldo, uno dei migliori arbitri nazionali ed internazionali tra gli anni Sessanta e Settanta, forte di un curriculum pazzesco. Un personaggio incredibile che è stato anche a capo dei fischietti italiani. Marco è cresciuto certamente a pane e pallacanestro, ha tantissima esperienza ed è giusto che adesso abbia un’occasione del genere”.

Appuntamento a Bergamo?

“Assolutamente sì. Ma per dare un occhio gli allenamenti. Come ho sempre fatto nel corso della mia carriera. Il lavoro settimanale in palestra è determinante ed è la vera base. La partita non è altro che la risultante”.

(foto Mattioli www.ecodibergamo.it)

Mattia Mora c’è. Il 18enne playmaker (191 cm), prodotto della fucina di talenti BluOrobica, è pronto a dar man forte alla causa BB14. In virtù della proficua sinergia con l’Azzanese milita da tempo in bluarancio. Lo scorso anno ha “saggiato” il palcoscenico della serie B pur senza avere la soddisfazione del debutto assoluto. Elemento dotato di fisicità e buona tecnica, sarà uno dei pilastri dell’Under 19 che andrà ancora a caccia delle finali nazionali.

Mattia Mora (playmaker BB14): “Sono contento di essere in pianta stabile nel gruppo della B. Sicuramente, attraverso il lavoro individuale, cercherò di crescere e migliorare eliminando certi errori. E sono certo che lo farò anche attraverso i consigli di coach Albanesi: non l’ho ancora conosciuto, ma il suo curriculum parla da solo”

La BB14 fa centro. Alla corte di coach Marco Albanesi sbarca Carlo Cane (203 cm). Barese classe 2004, compirà 18 anni il 1° settembre, ha mosso i primi passi con i colori della sua città per poi approdare a Fidenza e proseguire il suo percorso di crescita nel Varese Academy con cui ha conquistato l’ultimo titolo regionale sconfiggendo la Blu Orobica. Media di 5.5 punti nell’ultima stagione per un ragazzo che vuole proseguire, passo dopo passo, il suo apprendistato per sognare in grande.

Carlo Cane (centro BB14): “Sono molto felice di affrontare questa nuova avventura con la maglia di Bergamo. Una possibilità importante che arriva dopo l’esperienza nel Varese Academy dove ho disputato la C Gold e le giovanili, ma mi sono tolto la grande soddisfazione di allenamenti e convocazioni con la Prima Squadra. Ho affrontato la Blu Orobica diverse volte nel recente passato. E sono stati confronti sempre di gran livello. Ora metterò tutto il mio impegno per ripetermi con BB14”.

Avanti i giovani. Riccardo Piccinni, guardia di 190 cm che compirà 18 anni il prossimo 8 settembre, è un altro elemento su cui la BB14 è pronta a costruire presente e futuro. Qualche minuto in giallonero nell’ultima stagione, spazio e rendimento di spessore nella consociata Lussana Basket con tanto di doppio tesseramento ad impreziosire il tasso tecnico dell’Under 17. Dimostrazione concreta di ciò gli oltre 15 punti di media-partita.

Riccardo Piccinni (guardia BB14): “Ci sono anche quest’anno. Sul piano personale cercherò di migliorare per conquistarmi anche qualche minuto in serie B”.

Condivisione e continuità.

Questo è il filo conduttore di un nuovo progetto per lo sviluppo del Basket nella città di Bergamo.

Con i tifosi, con le famiglie, con i sostenitori commerciali, con le istituzioni.

Le 3 più importanti realtà cittadine, Bergamo Basket 2014 (BB14), Bluorobica e Lussana Basket iniziano un percorso condiviso con uno scopo chiaro e definito, consolidare e sviluppare il Basket in una città, storica, nella quale l’interesse per questo sport è da sempre molto diffuso.

Il numero di praticanti e di appassionati in città è veramente notevole, parliamo di migliaia di persone; il nostro obiettivo è di radunarle attorno a noi facendole appassionare ancora di più alla pallacanestro con un’attività che copra ogni fascia d’età dei praticanti, ogni livello agonistico e che si riconosca in una prima squadra che giochi un basket intenso e divertente e, che partendo dalla serie B, con il contributo di tutti, possa andare il più lontano possibile.

Lo si farà partendo dal minibasket, facendo giocare più bambini possibile; si continuerà nei campionati giovanili, nei quali i ragazzi diventeranno uomini; e ci ritroveremo tutti a tifare per la prima squadra nella quale i giovani, diventati grandi, continueranno a difendere i colori della loro città. E chi non diventerà giocatore potrà intraprendere il percorso di allenatore, dirigente, arbitro, oppure restare vicino come tifoso e sostenitore.

Si parte bene, avendo, nelle nostre realtà, una base solida di professionisti ed appassionati, con numeri nell’attività giovanile molto confortanti e non sarà quindi un salto nel buio.

Ci vorrà del tempo durante il quale la passione e l’entusiasmo, da parte nostra e di tutti i nostri sostenitori, saranno fondamentali perché ogni cammino ha i suoi momenti di difficoltà, ma con la condivisione e la solidità, a cui si punta, non ci fermeremo. 

Nelle prossime settimane seguiteci, sui ns. social e sulla stampa, nella costruzione della prima squadra, degli staff e in tutte le iniziative che promuoveremo; vi terremo aggiornati il più possibile.

Vi aspettiamo numerosissimi alla partenza della nuova stagione sportiva per sostenere la squadra della nostra città e tutte le rappresentative del progetto Bergamo Basket City.

I Presidenti

Enzo Galluzzo – Bergamo Basket 2014 (BB14)

Paolo Andreini – Bluorobica

Mauro Andreini – Lussana Basket 

Allegato: presentazione del progetto

BERGAMO-BASKET-CITY-2022_rev2Download

Un nuovo partner per la Withu Bergamo: da questa stagione Feetness è sponsor tecnico dei gialloneri.

Feetness è un’azienda specializzata nella progettazione, sviluppo e realizzazione di calze tecniche per tutte le tipologie di sport. Feetness ha deciso di sponsorizzare Bergamo Basket come sponsor tecnico, realizzando delle speciali calze brandizzate BB14, brevettate col marchio Kinesia.

Giulio Cortinovis, titolare di Feetness: “Orgogliosi della nuova collaborazione con BB14, auguriamo alla squadra un’esperienza unica e straordinariamente soddisfacente.”

[Venerdì 9 aprile 2021]

https://youtu.be/1-u519xsJ2E

Programma allenamenti Bergamo Basket 2014 prima squadra e giovanili

Sono state fissate per il fine settimana, precisamente per venerdì 26/09/2014 le riunioni tra la Società e genitori degli atleti dei gruppi Under 13 e Under 14, con all’ordine del giorno la programmazione nei dettagli della stagione 2014/2015.

Il programma delle riunioni è il seguente:

UNDER 13: venerdi’ 26/09/2014 dalle ore 18:45 presso la Palestra del Borgo, Via del Santuario, Bergamo

UNDER 14: venerdì 26/09/2014 dalle ore 19:45 presso la Palestra del Borgo, Via del Santuario, Bergamo.

Per informazioni può essere contattato il Dirigente di squadra Beniamino al n. 3475751927

Weekend impegnativo per il gruppo U14 targato Bergamo Basket 2014.

Impegnati nella prima edizione del “Torneo di Mozzanica”, perfettamente organizzato dalla “Enfant Prodige” e dal Comune di Mozzanica, i cittadini hanno affrontato alcune delle migliori  squadre del panorama cestistico lombardo conquistando un ottimo terzo posto.

In un girone si sono giocati la qualificazione Libertas Cernusco, Bluceleste Lecco e Bernareggio; nell’altro raggruppamento erano presenti la BB14, la Pall. Varese e la Pall. Cantù.  Nel pomeriggio di Sabato 20, la squadra di Longano ha dovuto cedere il passo ai biancorossi varesini per 38-56: se la difesa é riuscita a limitare le capacità realizzative degli avversari, in zona d’attacco si é pagato a caro prezzo la bassa percentuale di tiro.

Nel secondo impegno del girone, giocato nella mattinata di domenica, la partita contro la Pall. Cantù ha visto un netto miglioramento della fase offensiva e una riconferma positiva di quella difensiva. La compagine bergamasca riesce così a chiudere a proprio favore l’incontro con il punteggio di 71-57. 

Altra prova positiva arriva nel pomeriggio dove la BB14 si gioca la finale per il terzo posto contro Bluceleste Lecco. Pagando la maggior rapidità degli avversari, che fino all’ultimo hanno lottato caparbiamente per aggiudicarsi il gradino più basso del podio,  i gialloneri faticano più del dovuto a conquistare la vittoria, comunque meritata, col risultato di 62-55.

Il torneo é stato poi vinto dalla Libertas Cernusco che ha battuto in una bellissima ed equilibrata finale la Pall. Varese col risultato di 60-59.

20140921_115326 (1)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

    Acconsento al trattamento dei dati personali secondo l'informativa della privacy

    replica rolex
    «
    »