La gara di domenica 20 dicembre, tra Staff Mantova e Withu Bergamo, segna il raggiungimento di un traguardo importante per il Presidente Massimo Lentschle prime 250 partite a Bergamo.

Massimo Lentsch inizia la sua avventura nel 2013, quando entra nell’allora Virtus Bergamo (campionato DNC) come main sponsor con il marchio Co.Mark, e l’anno dopo – conquistata la Serie B con la vittoria del campionato – diventa Presidente della neonata Bergamo Basket 2014. Tre anni di Serie B, in cui la squadra ha sempre raggiunto almeno le semifinali Play-Off, ed altrettante stagioni in Serie A2 (quella appena iniziata è la numero quattro).

Un percorso esaltante, difficile e stimolante allo stesso tempo, una scelta che va avanti negli anni e non si è fermata davanti agli ostacoli extra-cestistici dell’ultimo periodo.

Sette anni, 250 gare con quella di domenica prossima a Mantova. Presidente Lentsch, un bilancio di questo periodo.

Sono soddisfatto di quello che ho fatto, 7 anni di gestione con due promozioni e quarto anno consecutivo in A2 per Bergamo, sono molto soddisfatto!

Una scelta che rifarebbe.

Creare e sposare per tutto questo tempo il progetto BB14. Gioie? Delusioni? Tanto di tutto!

La partita che rigiocherebbe.

Rigiocherei volentieri le partite della Final Four di Montecatini del 2017, perché solo la sfortuna ci ha fermato…

Il momento più bello in assoluto, ovvero la gioia più grande.

La promozione dalla Serie C alla Serie B è stata un’immensa festa: prima, durante a soprattutto dopo la partita!

Un progetto futuro sul quale focalizzarsi, per fare crescere ulteriormente Bergamo Basket 2014.

Dobbiamo tutti quanti rimanere sul pezzo, impegnarci per terminare il processo in corso di riorganizzazione societaria e gestionale, per poi provare a guardare verso nuovi obiettivi.

Allora buon compleanno Presidente, da tutto il mondo giallonero altre 250 di queste partite!

Un’altra conferma nel pool di partner di Bergamo Basket 2014: Spider Linee Vita è Silver Sponsor di Bergamo Basket 2014 anche per la stagione 2020/2021.

Spider, azienda con sede a Covo (BG), è una tra le aziende leader in Italia tra i produttori di linee vite e di soluzioni per la sicurezza del lavoro in quota. Spider Progetta soluzioni e dispositivi anticaduta che si adattino alle esigenze specifiche di settori industriali e residenziali, e segue il cliente nella progettazione, installazione e manutenzione della propria lineavita.

“La scelta di sponsorizzare BB14 va nella direzione di sostenere quelle attività sportive dove i valori – spiega Tommaso Spagnolo, co-amministratore del Gruppo Spider – come lo spirito di squadra, la competizione sana, tipico di questa disciplina, si accomunano ai valori tipici delle società del nostro Gruppo, insieme al fatto di poter sostenere le squadre che appartengono al nostro territorio.”

La Withu Bergamo non riesce a sbloccarsi, e deve lasciare strada libera all’Orlandina Capo d’Orlando nella settima giornata di campionato. Gli uomini di Calvani vengono sconfitti per 78-82, al termine di una gara equilibrata per 30 minuti e spezzata in avvio di secondo quarto dalla zona 1-3-1 di Sodini, che ha il merito di inceppare l’attacco giallonero. Per i siciliani prova di grande sostanza da parte dei due lunghi, Johnson e Fall25 e 15 punti rispettivamente, mentre per Bergamo non basta la doppia-doppia di Easley (23+11) e la gara a tutto tondo di Da Campo15 punti ed 8 rimbalzi. Domenica 20 dicembre la prima di due trasferte consecutive: Zugno e compagni saranno attesi dalla Staff Mantova, per cercare il primo successo stagionale.

Si gioca ad alti ritmi sin dai primi possessi, Bergamo trova sostanza dal pitturato ma perde un positivo Pullazi per due falli nei primi 4’. Easley è un fattore (16-10 al 6’), ed i gialloneri tengono alla grande in difesa sulle folate dei due americani; entra nel match anche Purvis per il +8 mentre i siciliani faticano prima della tripla di Johnson che spezza il break interno. Capo si rianima con la prima girandola di cambi, riportandosi in scia grazie ad un gioco da tre punti di Moretti, con il primo quarto che si chiude 19-18 in favore di Bergamo. L’equilibrio si mantiene anche ad inizio di secondo quarto (25-25 al 13’): Bergamo ha risposte da Seck e Zugno, Capo si affida all’inventiva di Floyd e Gay. I gialloneri allungano nuovamente con Purvis e Da Campo, Sodini ridisegna i suoi a metà frazione ma è sempre Purvis che spinge il nuovo +8 interno (33-25 al 16’); gli ospiti replicano con Fall e Moretti, e nel giro di un paio di possessi Capo è di nuovo a meno due. Floyd trova la parità a quota 35, ed il successivo sorpasso sul finale di tempo (37-38 al 20’).

Bergamo esce bene dagli spogliatoi, Da Campo ed Easley rimettono davanti i gialloneri, ma l’equilibrio non accenna a cambiare (50-48 al 26’). Dopo una fase in cui non segna nessuno, ci pensa Purvis a sbloccare il punteggio, Moretti sigla il nuovo sorpasso esterno, sigillato dai liberi di Gay (55-58 al 30’). Capo d’Orlando scappa ad inizio di quarto con i suoi USA (59-66 al 32’), Bergamo resta attaccata con Easley anche se la zona di Sodini si rivela efficace; Laganà firma il vantaggio in doppia cifra dall’arco ritoccato da Fall (61-74 al 35’), Bergamo si scuota con Easley Zugno ma deve rincorrere. I siciliani si appoggiano ad un grande Johnson, che si carica sulle spalle i suoi e sigla i punti che tengono avanti Capo, anche quando Bergamo furiosamente si riporta a -3 con pochi secondi da giocare. Sono i liberi di Laganà e Floyd a chiudere l’incontro, al PalaAgnelli finisce 78-82 in favore dell’Orlandina Capo d’Orlando.

Withu Bergamo-Orlandina Capo d’Orlando 78-82 (19-18, 37-38, 55-58)

Withu Bergamo: Zugno 9 (3/8, 1/3), Purvis 12 (3/6, 1/8), Da Campo 15 (4/6, 2/6), Pullazi 12 (6/12, 0/2), Easley 23 (9/15, 0/1); Seck 3 (1/4), Parravicini 2 (0/2 da tre), Vecerina 2 (1/1), Bedini, Siciliano n.e., Riboli n.e., Aiello n.e.. All. Calvani

Orlandina Capo d’Orlando: Laganà 6 (1/2, 1/2), Floyd 12 (3/13, 0/4), Taflaj 9 (3/4, 1/1), Johnson 25 (4/10, 3/5), Fall 15 (4/8, 2/2); Gay 8 (0/2, 1/6), Moretti 7 (3/5), Del Debbio, Triassi n.e.. All.Sodini

Tiri liberi: Withu Bergamo 12/18, Orlandina Capo d’Orlando 22/26

Rimbalzi: Withu Bergamo 39 (Easley 11), Orlandina Capo d’Orlando 36 (Johnson 9)

Assist: Withu Bergamo 18 (Zugno 7), Orlandina Capo d’Orlando 10 (Laganà, Floyd 3)

Usciti per 5 falli: 

Spettatori: gara disputata a porte chiuse

Terza gara in sei giorni per la Withu Bergamo, che ospita l’Orlandina Capo d’Orlando al PalaAgnelli di Bergamo per quella che da calendario è la settima giornata d’andata del Girone Verde di Serie A2 Old Wild West. C’è voglia di riscatto tra i gialloneri, dopo i primi due passi falsi stagionali: attenzione però ai siciliani, formazione giovane che ha già messo in mostra la coppia di americani formata dal rookie Jordan Floyd e Xavier Johnson. Un appuntamento non semplice per Zugno e compagni, vogliosi di siglare il primo successo in campionato: i siciliani hanno battuto Casale Monferrato all’esordio, rimediando poi tre sconfitte, contro Tortona, Udine ed in casa di Mantova.

Oltre al già citato duo straniero, che sta viaggiando a medie altissime (24 punti di media per Floyd, 21.8 per Johnson) coach Sodini – alla terza stagione sulla panchina di Capo d’Orlando – può contare su Matteo Laganà in cabina di regia, Bellan nello spot di ala piccola e Fall sotto le plance. I primi cambi sugli esterni sono Flavio Gay ed il nazionale albanese Taflaj, mentre sotto canestro trova importanti minuti Moretti. Possibile impiego per la guardia Del Debbio e per l’ala-centro Tintori.

Coach Calvani: “Usciamo da una gara, quella contro Udine, giocata con energia, e forse il divario finale è sin troppo pesante per noi. Capo d’Orlando, non dimentichiamolo, ha perso solo 7 giorni fa contro Udine all’ultimo secondo; una gara giocata ad altissimo punteggio, e ciò denota quale possa essere la forza di questa squadra. Ogni partita, però, deve essere giocata, ed io resto molto fiducioso perché ho visto i miei ragazzi scendere in campo mercoledì con un ottimo atteggiamento. Dobbiamo lavorare per limare gli errori, quelli più pacchiani, ma – ripeto – ho fiducia perché siamo sulla strada giusta.”

Arbitri dell’incontro i signori Alessandro Saraceni di Zola Predosa (BO), Antonio Bartolomeo di Cellino San Marco (BR) e Christian Mottola di Taranto.

Palla a due sabato 12 dicembre 2020 alle ore 15.30 presso il PalaAgnelli di Bergamo. Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.

La Withu Bergamo non fa il colpo, e viene sconfitta a domicilio dall’Old Wild West Udine per 59-76. La capolista fa valere la sua legge (quinto successo consecutivo), mettendo in campo tutto il proprio arsenale: fisicità, atletismo e profondità del roster. Ma Bergamo non demerita, almeno per 20’, dove resiste fieramente alla differenza di taglia tra le due squadre. Per i friulani quattro uomini in doppia cifra, dove brillano JohnsonFoulland e Deangeli, per Bergamo buona prova di un Purvis pimpante, specialmente nel secondo quarto, con il solito Pullazi anch’esso in doppia cifra. Tra meno di 72 ore si torna in campo: al PalaAgnelli sabato 12 dicembre arriva l’Orlandina Capo d’Orlando, per la terza gara in sei giorni a chiusura di questo primo tour-de-force stagionale.

Udine parte fortissimo con i suoi americani, Bergamo impiega qualche possesso per entrare nel match ma ci sono le triple di Purvis e Da Campo a tenere a galla i gialloneri (8-12 al 5’). La gara è viva, le due squadre mettono in campo tutta la loro fisicità, Johnson è sempre protagonista nel nuovo allungo ospite, Udine trova il +11 con i liberi di Foulland Italiano e chiude avanti la frazione 11-19. Bergamo trova risorse da Vecerina Parravicini, che rimettono i gialloneri a soli tre punti di distanza, Udine si rianima anche grazie ai continui cambi ordinati da Boniciolli (18-25 al 14’). Purvis si mette sulle spalle i suoi, sette punti in fila tengono in scia Bergamo che resiste egregiamente, Foulland sotto canestro si fa sentire ma anche Seck sa il fatto suo; il primo tempo si chiude con Bergamo che riaccorcia e si porta sul 32-36.

Di rientro dagli spogliatoi è Udine che prende in mano le redini della gara con i suoi lunghi: gli ospiti toccano il nuovo +14 grazie a due triple consecutive di Giuri, che obbligano Calvani al time-out (34-48 al 24’). Pullazi batte un colpo ma Udine resta in controllo con Johnson, e a nulla servono gli sforzi difensivi per evitare i canestri di Amato e Pellegrino per il massimo vantaggio esterno. Easley si fa vedere in chiusura di frazione, ma il tabellone recita 45-59 in favore di Udine prima degli ultimi dieci minuti. Il divario non cambia, Udine inserisce il pilota automatico anche se le triple di Pullazi e Bedini tengono acceso il match fino a 3’ dalla fine. Sono FoullandJohnson e Deangeli a sigillare la vittoria friulana, al PalaAgnelli finisce 59-76 in favore dell’Old Wild West Udine.

Withu Bergamo-Old Wild West Udine 59-76 (11-19, 32-36, 45-59)

Withu Bergamo: Zugno 5 (2/7, 0/1), Purvis 16 (3/9, 3/10), Da Campo 5 (1/1, 1/5), Pullazi 12 (0/6, 3/7), Easley 2 (1/8); Seck 4 (2/4, 0/1), Parravicini 6 (1/2, 0/2), Vecerina 6 (1/1, 1/3), Bedini 3 (0/1, 1/1), Siciliano n.e.. All. Calvani

Old Wild West Udine: Giuri 9 (0/3, 3/6), Johnson 18 (4/8, 2/7), Deangeli 13 (2/2, 2/3), Antonutti 6 (3/6, 0/1), Foulland 12 (5/8); Nobile, Italiano 2 (1/1, 0/2), Pellegrino 2 (1/1), Mobio 1, Amato 13 (2/3, 3/5), Agbara. All. Boniciolli

Tiri liberi: Withu Bergamo 10/16, Old Wild West Udine 10/12

Rimbalzi: Withu Bergamo 34 (Easley 9), Old Wild West Udine 46 (Foulland 13)

Assist: Withu Bergamo 11 (Zugno 4), Old Wild West Udine 18 (Giuri 8)

Usciti per 5 falli: 

Spettatori: gara disputata a porte chiuse

Al PalaAgnelli di Bergamo va in scena il recupero della prima giornata di campionato tra la Withu Bergamo e l’Old Wild West Udine. Un turno infrasettimanale utile per dimenticare l’inciampo di Casale Monferrato, anche se di fronte gli uomini di Calvani avranno una delle due capolista: Udine, squadra costruita per un disputare un campionato di vertice, ha già innestato le marce alte nelle prime quattro uscite, cogliendo altrettanti successi (tre di essi lontano dal PalaCarnera). Un avversario duro, durissimo, per una Bergamo che vuole cambiare passo rispetto alla gara di due giorni fa in Piemonte: fiducia nei propri mezzi e continuità sui 40 minuti saranno le chiavi del match.

I friulani hanno allestito un roster competitivo e profondo in tutti i ruoli: in cabina di regia c’è la coppia AmatoGiuri, il fiore all’occhiello è rappresentato da Dominique Johnson, un solido passato recente in Serie A tra Varese, Venezia e Pistoia, con il fedelissimo Nobile affidabile back-up. Deangeli, ItalianoAntonutti e Mobio compongono il reparto ali, mentre sotto canestro il cavallo di ritorno Pellegrino fa il paio con il rookie americano Foulland, centro dall’enorme atletismo arrivato ad Udine dai polacchi del Trefl Sopot. Dieci giocatori, ai quali si aggiungono il giovane play Schina e l’ala Agbara, a comporre una formazione che fino alla fine lotterà per le posizioni di vertice.

Coach Calvani: A Casale abbiamo giocato una partita in cui dovevamo approfittare delle assenze dei piemontesi; si vede che siamo indietro, la ruggine di queste settimane si è fatta sentire. L’importante è aver iniziato, dovremo sicuramente crescere, migliorando le percentuali al tiro. Udine rappresenta un bel test, un test importante: giochiamo contro una squadra di assoluta qualità, rodata più di noi. Come già detto, utilizzeremo questa prima parte di campionato per ricominciare a lavorare a pieno regime: ben venga affrontare una squadra forte come Udine, avremo poco tempo per pensare alla scorsa gara, concentrandoci invece sul nuovo appuntamento.”

Arbitri dell’incontro i signori Gianluca Gagliardi di Anagni (FR), Alex D’Amato di Tivoli (RM) e Stefano Del Greco di Verona.

Palla a due mercoledì 9 dicembre 2020 alle ore 18.30 presso il PalaAgnelli di Bergamo. Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.

La Withu Bergamo scivola nel finale in casa della Novipiù JB Monferrato nella prima gara di campionato (sesta in calendario), ed esce sconfitta dal PalaFerraris con il punteggio di 65-62. Una gara equilibrata, non entusiasmante per via delle percentuali basse al tiro ma viva sin dalla palla a due: i gialloneri non trovano lo spunto decisivo negli ultimi 2’30” di gioco, mentre Casale è brava a non perdere la testa nel momento topico del match. Per i padroni di casa ottima prestazione di Camara, 17 punti e 14 rimbalzi, ben supportato da Thompson (15 punti); Bergamo trova uno Zugno tirato a lucido (16 punti) ed il contributo prezioso di Parravicini Pullazi, entrambi a quota 11 punti a referto. Non c’è tempo per le recriminazioni: mercoledì 9 dicembre si torna in campo, e nella prima gara interna sarà l’Old Wild West Udine a far visita al PalaAgnelli, forte dei 4 successi ottenuti in altrettante gare disputate finora.

Bergamo scatta col piglio giusto: Pullazi segna sei punti veloci e Zugno ne aggiunge otto altrettanto consecutivi per ribattere ai primi squilli firmati da Camara. Il centro classe 2001 è un fattore, a lui si appoggia parte della manovra di Casale, anche perché Collins è vivo ma sparacchia. Si fa vedere anche Thompson con un paio di incursioni degne di note, ed il primo quarto si chiude con Casale avanti 21-19. Nella ripresa arriva il primo break della gara: il duo Thompson-Camara spinge il +10 interno (31-21 al 14’), ma da qui è un’altra Bergamo: Purvis si iscrive al match, la difesa fa il resto concedendo solo 2 punti in sei minuti a Casale. Arriva il contro-parziale, in cui è protagonista Easley, che riporta Bergamo a contatto all’intervallo (33-29 al 20’).

Di rientro dagli spogliatoi è ancora Casale che allunga fino al +8, ma bastano un paio di folate offensive e difensive giuste per rimettere Bergamo in scia (42-39 al 26’). Persiste il grande equilibrio, Seck è un mastino in difesa, Zugno si conferma in serata e porta Bergamo a -1 prima dell’ultimo quarto (46-45 al 30’). Ferrari concede un po’ di – meritato – riposo a Camara, e Bergamo ne approfitta: ParraviciniEasley e Zugno mettono la freccia, lo stesso Parravicini sigla il +6 dall’arco, rinforzato dai liberi di Pullazi (54-60 al 37’). Da qui però Casale risale: Collins e Thompson scrivono il -1, lo stesso Thompson firma il soprasso e Valentini F. sigilla il +3 a 18” dalla sirena. Easley rimanda il verdetto, ma ancora Valentini F. è freddo dalla linea, e l’ultima cartuccia di Bergamo è a salve. Al PalaFerraris finisce 65-62 in favore della Novipiù JB Monferrato.

Novipiù JB Monferrato-Withu Bergamo 65-62 (21-19, 33-29, 46-45)

Novipiù JB Monferrato: Valentini F. 10 (1/5, 1/5), Collins 12 (2/11, 2/9), Thompson 15 (5/9, 1/4), Sirchia (0/2 da tre), Camara 17 (6/6); Valentini L. 4 (2/3, 0/1), Donzelli 7 (3/5, 0/1), Lomele n.e., Martinoni n.e.. All. Ferrari

Withu Bergamo: Zugno 16 (5/11, 2/3), Purvis 5 (2/7, 0/6), Da Campo 5 (1/2 da tre), Pullazi 11 (3/8, 1/5), Easley 10 (5/10); Parravicini 11 (0/1, 3/6), Seck 4 (1/4), Bedini (0/1 da tre), Vecerina (0/1), Siciliano n.e.. All. Calvani

Tiri liberi: Novipiù JB Monferrato 15/17, Withu Bergamo 9/15

Rimbalzi: Novipiù JB Monferrato 43 (Camara 14), Withu Bergamo 39 (Pullazi 11)

Assist: Novipiù JB Monferrato 16 (Valentini F., Valentini L. 4), Withu Bergamo 14 (Easley 4)

Usciti per 5 falli: 

Spettatori: gara disputata a porte chiuse

Finalmente si comincia. È proprio il caso di dirlo: dopo un’attesa di tre mesi, dall’inizio della pre-stagione, la rinnovata Withu Bergamo si appresta all’esordio in campionato, andando a fare visita alla Novipiù JB Monferrato. Il calendario della Serie A2 Old Wild West recita sesta giornata, ma per le due squadre si tratta rispettivamente del primo e del secondo impegno stagionale. La JB ha giocato due settimane or sono in casa dell’Orlandina Capo d’Orlando, prima di essere forzatamente fermata dalle vicende legate al covid-19. Per Bergamo è il primo passo in questo Girone Verde, affascinante e complicato allo stesso tempo; gli uomini di coach Calvani hanno avuto un novembre “movimentato”, ma negli ultimi giorni il gruppo si è allenato al completo, il morale è alto e la voglia di iniziare è tanta.

Sulla strada dei gialloneri c’è Monferrato, società di fatto nuova dopo i cambi societari estivi: sulla panchina dei gialloblu c’è sempre Mattia Ferrari, alla terza stagione in Piemonte, ed insieme a lui le conferme rappresentate da Fabio Valentini, Simone Tomasini, il capitano Nicolò Martinoni e Gora Camara. Ad essi si sono aggiunti l’altro Valentini, Luca, l’ala Donzelli e per completare il pacchetto italiani SirchiaGiombini e Cappelletti. I due stranieri sono Corban Collins, guardia con un passato recente prima a Cantù e poi a Treviglio, e Sam Thompson, guardia/ala con una solida esperienza in G-League.

Coach Calvani alla vigilia: “Un’attesa lunga, siamo alla sesta giornata e ci sono squadre che hanno già giocato 2-3 partite. Noi, per le note vicende legate anche alle nazionali, non siamo ancora scesi in campo; fortunatamente domenica inizia il campionato, e sia io, lo staff ed i ragazzi siamo contenti di poterci giocare qualcosa di importante. Abbiamo vissuto una situazione di disagio nell’ultimo periodo, tutti l’abbiamo vissuta per via delle note vicende. L’inizio del campionato sarà molto particolare, può sembrare un controsenso ma bisognerà utilizzare le prime partite una sorta di “pre-campionato”: non giochiamo una gara ufficiale da quasi un mese e mezzo, queste prime gare serviranno anche per andare in rodaggio, per toglierci di dosso la ruggine. Cercheremo di basarci su cose semplici, l’obiettivo è quello di andare in campo, tutto il resto diventa secondario. Il mio augurio è che si riescano a risolvere le problematiche legate al virus, che hanno falcidiato la nostra nazione ed hanno di conseguenza creato problemi alla nostra attività; l’aggravio dei costi è un aspetto che tocca tutti i club, per cui il mio grazie in primis va a loro, per gli sforzi che stanno facendo. Da parte nostra, allenatori e giocatori, c’è la volontà di andare in campo per fare il meglio possibile.”

Arbitri dell’incontro i signori Alessandro Tirozzi di Bologna, Umberto Tallon di Bologna e Roberto Radaelli di Rho (MI).

Palla a due domenica 6 dicembre 2020 alle ore 18.00 presso il PalaFerraris di Casale Monferrato. Diretta prevista su LNP TV per gli abbonati a LNP TV PASS.

La Withu Bergamo rinnova la partnership con il Podo Medical Center, che sarà ancora Supporter Sponsor per la stagione 2020/2021.

Podo Medical Center è una nuova realtà sita in Bergamo, dove vengono trattate le patologie del Piede, della Postura, della Nutrizione e non solo. Lo studio, formato da due Podologi, un Fisioterapista-Osteopata ed un Biologo Nutrizionista, la collaborazione tra i quali è fondamentale per la cura del paziente, si occupa di trattare le patologie di tutte le fasce d’età, dai più piccoli alle persone anziane, con particolare attenzione agli sportivi.

Podo Medical Center dispone delle più moderne attrezzature in ambito podologico, in particolare: un tapis-roulant baropodometrico con la possibilità di effettuare valutazioni dell’appoggio del piede, sia in statica che in dinamica, ma anche durante la corsa con riprese video.

I dottori Andrea Preda ed Alessandra Cugini, titolari di Podo Medical Center: “Podo Medical Center è una start up in ambito sanitario specializzata soprattutto in ambito podologico-sportivo. Abbiamo deciso di collaborare come BB14 per fornire la nostra esperienza ad una giovane società per contribuirne alla crescita.”

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

    Acconsento al trattamento dei dati personali secondo l'informativa della privacy

    replica rolex
    «
    »