BERGAMO-TERMOFORGIA JESI 86-99


Bergamo non riesce a ripetere la prova convincente contro Piacenza, e cade al PalaNorda contro Jesi sotto i colpi di uno stratosferico Kenny Hasbrouck, autore di 47 punti. Il finale, 86-99, in favore dei marchigiani, sottolinea la prova poco incisiva di Ferri e compagni, che solo nel finale sono riusciti a tenere lo scarto entro proporzioni accettabili. Dall’altre parte, come detto, un Hasbrouck immarcabile, ben supportato da Marini (20 punti) e da Green, capace di mettere a referto 11 assist. Ora per Bergamo arriva la cruciale trasferta di Roseto; un crocevia importante in tema salvezza, che i gialloneri dovranno affrontare al massimo delle loro possibilità.

Dopo il primo canestro di Solano, Jesi trova un mini-break di 0-6 chiuso da Hollis (4-6 al 3’), Solano replica a Rinaldi e con Fattori manda avanti Bergamo (12-11 al 6’). Marini e Green rispondono presente, con Jesi che riallunga sul 14-22 grazie alle triple del suo numero 13. Bergamo prova a scuotersi con Sergio ma i marchigiani non cedono, e chiudono il primo quarto in vantaggio 19-25.

Sergio e Hollis rimettono Bergamo in scia, Hasbrouck non ci sta e con otto punti filati ridà margina a Jesi (24-33 al 14’). Bergamo fatica a ritrovarsi, mentre Jesi non si ferma complice anche un fallo tecnico fischiato ai danni di Mascherpa e trova il massimo vantaggio sul 24-37 grazie al solito Hasbrouck. Ciocca richiama i suoi, chiedendo molta più intensità difensiva, Hollis e Piccoli colpiscono dall’arco tenendo invariato il divario, ma è ancora Hasbrouck a piazzare i colpi del +14 (30-44 al 18’). Bergamo subisce i voli del numero 41 in maglia bianca, e Jesi va all’intervallo lungo avanti  34-52 con l’ultima tripla sempre di Hasbrouck, che all’intervallo ha già 26 punti a referto.

La musica non cambia ad inizio terzo quarto, con l’esterno jesino che resta di fatto immarcabile e dà il +23 a Jesi. Bergamo si scuote con un parziale di 7-0 ma ancora Hasbrouck spegne i tentativi dei gialloneri (41-62 al 24’). C’è poco da fare contro la serata incredibile al tiro di Jesi, che raggiunge il +25 sul 46-71 al 17’, Solano mette sei punti consecutivi di pregevole fattura, ricucendo minimamente il divario, che rimane comunque ampio. Jesi trova canestri anche da Marini per chiudere sul 57-76 al 30’.

La partita purtroppo per Bergamo ha poco da dire nell’ultimo periodo, perché Jesi – nonostante le percentuali si abbassino – tiene a distanza i gialloneri (66-84 al 35’). Da segnalare i canestri di Sanna e Bozzetto da una parte e quelli di Marini dall’altra, Bergamo riduce il divario sul finire del match, ma Jesi non trema mai e si porta a casa i due punti in palio.

Bergamo-Termoforgia Jesi 86-99 (19-25, 34-52, 57-76)

Bergamo: Ferri 3 (0/1, 1/1), Solano 24 (7/11, 2/2), Cazzolato (0/2 da tre), Fattori 9 (1/4, 2/3), Hollis 14 (5/10, 1/1); Sergio 8 (0/2, 2/4), Bozzetto 12 (6/6, 0/1), Mascherpa 5 (1/5, 1/2), Sanna 11 (3/4, 1/2), Bedini n.e., Marelli n.e., Crimeni n.e.. All. Ciocca

Termoforgia Jesi: Green 9 (1/4, 1/3), Marini 20 (3/6, 4/8), Hasbrouck 47 (10/12, 8/15), Ihedioha 2 (1/6, 0/2), Rinaldi 9 (4/8); Fontecchio (0/1, 0/1), Piccoli 8 (1/2, 2/4), Massone 4 (1/1, 0/1), Valentini, Montanari n.e.. All. Cagnazzo

Tiri liberi: Bergamo 10/16, Termoforgia Jesi 12/13

Rimbalzi: Bergamo 33 (Bozzetto 8), Termoforgia Jesi 32 (Rinaldi 7)

Assist: Bergamo  10 (Solano 4), Termoforgia Jesi 18 (Green 11)

Usciti per 5 falli: Mascherpa (Bergamo)

Spettatori: 1100

 

► Guarda la conferenza stampa post-partita di Cesare Ciocca: https://www.youtube.com/watch?v=qMOd_6rGI78